Maya Antonio

(Jaén, Spagna, 1950)

Dopo la Scuola d’Arte di Jaén, una borsa di studio del Ministerio de Educación y Ciencia gli permette di studiare sia alla Scuola Superiore di Belle Arti di San Fernando di Madrid sia all’Accademia San Jordi di Barcellona. Conclude gli studi, specializzandosi in incisione, nel 1973, anno della prima esperienza espositiva, nella collettiva alla Galleria Gruppo 15 di Madrid. Nel 1976 ha invece la prima personale alla Galleria Aele di Madrid ed espone alla mostra madrilena «10 pintores de hoyo para mañana» e alla rassegna «Los realistas » a León. Da questa data inizia un’attività espositiva che lo vede presente in importanti manifestazioni nazionali e internazionali. Nel 1984 è ad ARCO con la Galleria Leandro Navarro (nel 1988 sarà invece con lo stand della Galleria Juan Gris).
Espone per la prima volta in Italia nel 1986 in occasione della mostra «Spagna come Realtà » a San Benedetto del Tronto, riproposta poi ad Ascoli Piceno e Taranto. Nel 1987 espone insieme a Clara Gangutia e Francisco Sebastián alla Galleria Trentadue di Milano. Nel 1991 partecipa alla mostra «Visiones de Madrid» al Ministero degli Esteri per l’Accademia Spagnola in Roma, e ad «Aspetti del Realismo in Europa» alla Galleria Davico di Torino, dove sarà di nuovo nel 1993 con una mostra che verrà ospitata anche a Napoli. Nel 1994 espone di nuovo a Napoli alla rassegna «Presenza e memoria. Tre artisti per tre nazioni ». Nel 1997 è alla Galleria Davidoff di Parigi e a Barcellona a Palazzo Güell per la collettiva «Homenaje a Fernando Mujica Herzoq ». Nel 1998 espone a Buenos Aires, a Gand, a Madrid e in Italia, dove le sue opere sono comprese nel corpus del Museo dello Splendore di Giulianova (TE). Nel 2004 è nuovamente in Abruzzo, nella permanente «Arte per Immagini» del Museo d’Arte «Costantino Barbella» di Chieti, e nella mostra «In nomine Patris» a Tornareccio (CH). Nel 2005 una retrospettiva è allestita a Madrid. Nel 2006 è ad Ávila nella collettiva «6 del 68» e a Potenza nella mostra «Realidad. Arte Spa- gnola della realtà», curata da Laura Gavioli. Nel 2008 riceve il Premio Nazionale di Arti Plastiche dal Ministero della Cultura, proposto dall’Istituto di Cultura Gitana.

Hornillo con flores, 1985.
Maya Antonio

Hornillo con flores, 1985.

Claveles, 1984
Maya Antonio

Claveles, 1984

Nel segno dell’immagine

Nel segno dell’immagine

In Nomine Patris

In Nomine Patris

Arte per immagini

Arte per immagini