Arrivabene Agostino

(Rivolta d’Adda/ CR, 1967)

 

Nasce a Rivolta d’Adda, in provincia di Cremona, nel 1967. Ora vive e lavora a Gradella di Pandino (Cr). Diplomatosi all’Accademia di Belle Arti di Brera nel 1991, compie molti viaggi per conoscere direttamente i capolavori del passato, dando inizio a un mai più interrotto percorso teso al recupero delle tecniche artistiche appartenenti alla tradizione.

La prima mostra personale (Esplorazioni), a Rivolta d’Adda, giunge nel 1992, anno in cui partecipa al XXXII Premio Suzzara, cui prenderà parte anche nel 1993. E’ solo la prima di una lunga serie, sia in Italia che all’estero, dalle giovanili Memoria e desiderio (1994) e L’arte segreta di Agostino Arrivabene (1998), fino ad arrivare alle più recenti Mirabilia Naturae (2005) e Il sole morente nella stanza azzurra (2007). Gli anni Novanta rappresentano per Arrivabene l’inizio di un periodo di intensa attività: tra le innumerevoli rassegne collettive, spiccano le presenze a celebri fiere, come Arte Fiera Bologna, Arte Padova, ArtVerona e MiArt.

Già vincitore nel 1998 della prima edizione del Premio Internazionale Leonardo Sciascia Amateur d’Estampes, Arrivabene è anche conosciuto per i suoi disegni e le sue incisioni proposte al pubblico in occasione di numerose esposizioni, quale quella svoltasi nel 1995 presso la Biblioteca Comunale di Palazzo Sormani a Milano.

 Di recente avvia una stretta collaborazione con Vittorio Sgarbi, che lo invita a importanti mostre da lui stesso curate, tra le quali spiccano Surrealismo Padano. Da De Chirico a Foppiani al Palazzo Gotico di Piacenza (2002); Il Male. Esercizi di pittura crudele, nella Palazzina di Caccia di Stupinigi (2005); Il ritratto interiore. Da Lotto a Pirandello, al Museo Archeologico di Aosta (2005); L’Inquietudine del volto. Da Tiziano a De Chirico, nella nuova sede della Banca Popolare di Lodi (2006). E ancora Vade Retro. Arte e Omosessualità. Da von Gloeden a Pierre et Gilles e Arte italiana 1968-2007. Pittura, al Palazzo della Ragione e a Palazzo Reale a Milano nel 2007. La personale Metamorfosi è del  2009 alla Galleria Forni di Bologna.

Realizza anche le scenografie dell’Hans Heiling di Heinrich Marschner, riproposto con la regia di Pierluigi Pizzi al Teatro Lirico di Cagliari.

Nel 2010 vince, per la Categoria “Invitati”, il Premio d’Arte Contemporanea Arciere, promosso dal Comune di Sant’Antioco, in Sardegna.

Le sue opere sono presenti nel Padiglione Italia della 54° Biennale d’Arte di Venezia del 2011.

Gesù è condannato a morte, 2011
Arrivabene Agostino

Gesù è condannato a morte, 2011

Un mosaico per Tornareccio

Un mosaico per Tornareccio

Nel segno dell’immagine

Nel segno dell’immagine