Mucchi Tono

(Milano, 1938)

 

Tono Mucchi nasce a Milano nel 1938. Studia pittura e grafica a Londra e inizia la sua attività di pittore nel 1970, con una mostra alla Galleria Toninelli di Roma. In seguito è passato da un astrattismo onirico a una pittura figurativa di paesaggi, visioni di interni e ritratti. Ha esposto in molte gallerie, sia nazionali che internazionali, tra le quali: la Galleria Schubert di Milano nel 1971, la Galleria Plurima di Udine nel 1973, la Galleria La Court Saint-Pierre di Ginevra nel 1980, la Galleria Gianferrari di Milano nel 1982 e nel 1985, Il Gabbiano di Roma nel 1982, 1984, 1989 e 1993, la Galleria Trentadue nel 1996. Nel 1984 è stato invitato alla 41a Biennale di Venezia.

La Galleria Il Gabbiano nel 1984 lo presenta alla FIAC di Parigi, e alla CIAE di Chicago l’anno successivo, due delle più importanti Fiere d’arte esistenti. Nello stesso anno partecipa alla Biennale di Venezia, nella sezione Aperto ’84. Nel 1989 l’Olivetti gli dedica la sua agenda. Nel 1997 partecipa al XXIV Premio Sulmona. Nel 1998 ha partecipato ad una mostra collettiva in omaggio a Roberto Tassi “Da Fattori a Burri. Roberto Tassi e i pittori. Ottocento e Novecento in Italia” a cura di Marco Goldin. Due importanti monografie sulla sua opera sono state pubblicate da Longanesi, Milano 1984 “L’oasi dei misteri” (testo di Giorgio Soavi) e da Elli&Pagani, Milano 1986 (testi di Giorgio Soavi e Roberto Tassi).

Tono Mucchi vive e lavora tra Perugia e Milano. Tra le ultime esposizioni si ricordano quelle alla Galleria Antonia Jannone di Milano (Teatro Urbano) nel 2009, che segna il passaggio dal pennello alla macchina fotografica digitale, le rassegne Dalla fotografia d’arte all’arte della fotografia al Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri di Verona, sempre nel 2009, e la recentissima L’incanto del paesaggio. Fotografia realtà immaginazione, alla Galleria Elleni di Bergamo nel febbraio del 2010.

 

Nel segno dell’immagine

Nel segno dell’immagine