Morgan Randall

(Knightstown, Usa, 1920 – Sorrento, Napoli, 1994)
Frequenta i corsi di ceramica e architettura all’Università di Cincinnati. Viene in Italia al seguito dell’esercito americano e, dopo la fine della guerra, vive tra l’Italia e gli Stati Uniti, dove si iscrive alla Columbia University, New York, e frequenta i corsi di educazione artistica. Nella stessa università insegna nel 1948 ceramica, e nel 1949, con una borsa di studio dell’Università dell’Indiana, giunge di nuovo in Italia, dove decide di stabilirsi in maniera definitiva. Vive dapprima a Roma, poi in vari luoghi sulla costiera amalfitana, e infine di nuovo a Roma. Nel 1951 ha una personale al New Art Circle di New York, dove esporrà anche due anni dopo. Nel 1953 è nominato direttore artistico del Positano Art Workshop. Nel 1955 e nel 1958 espone alla Grace Borgenicht Gallery di New York, mentre dal 1961 al 1963 è docente di pittura alla Washington University di St. Louis. Nel 1962 e nel 1963 ha personali alla Albert Landry Gallery di New York e al St. Louis Artist’ Guild di St. Louis. Nel 1964 riceve un premio dalla Fondazione Ingraham-Merril.
Nel 1966 espone per la prima volta in Italia, alla Galleria 88 di Roma, dove sarà anche nel 1968 e nel 1970. Tra il 1967 e il 1970 dirige il Randall Morgan Art Workshop di Sant’Agata sui due Golfi. Nel 1969-1970 il Museo dell’Università dell’Arizona gli dedica una personale. Seguono altre personali in Italia alle gallerie Forni di Bologna (1977), e Bergamini (1977) e Trentadue di Milano (1980). Delle numerose collettive cui ha partecipato si ricordano quelle allestite al Museo d’Arte Moderna e al Museo Whitney di New York, all’Accademia di Belle Arti di Filadelfia, al Palazzo della Legione d’Onore di San Francisco. È stato inoltre presente alla X Quadriennale di Roma. Le sue opere sono presenti in importanti musei, come per esempio il Whitney Museum di New York e il Museo d’Arte di Filadelfia. Muore a Sorrento nel 1994.

Natura morta estate, 1981.
Morgan Randall

Natura morta estate, 1981.

Nel segno dell’immagine

Nel segno dell’immagine

Arte per immagini

Arte per immagini