Recalcati Antonio

(Bresso/MI, 1938)


Autodidatta, Recalcati inizia ad esporre a Milano nel 1957, alla Galleria Totti, con opere d’area informale di forte gestualità. Nello stesso anno firma con Piero Manzoni il manifesto contro il Premio San Fedele in nome dell’Avanguardia. A partire dal ciclo Le Impronte (1960-1962) crea un linguaggio figurativo autonomo e molto apprezzato. Nel 1963, pur continuando ad esporre in Italia (galleria il Punto di Torino, Palazzo Strozzi a Firenze), si trasferisce a Parigi, in quanto scelto per rappresentare l’Italia alla Biennale di Parigi. Viene premiato a Venezia con il Premio Apollinaire. Espone alla storica Biennale di Venezia del 1964.  Nel ’65 va a New York, e grazie all’amicizia di Mario Schifano, conosce l’avanguardia americana e espone alla Galleria Odissea. Le mostre si susseguono in giro per il mondo per tutti gli anni Sessanta (Bruxelles, Parigi, Praga, Losanna, Caracas). Negli anni Settanta espone in Italia a Firenze, Roma, Venezia, e inoltre a Parigi, Copenhagen, Rio de Janeiro, New York. Nel ’76 e nel ’78 è di nuovo alla Biennale di Venezia. Nel 1980, stanco di Parigi, si trasferisce a New York per cinque anni. Alla pittura, che viene messa da parte tra il 1988 e il 1996, negli anni Ottanta e Novanta viene affiancata una produzione di sculture e ceramiche, con esposizioni in prestigiose gallerie in Italia e all’estero. Gli anni Novanta segnano anche l’inizio della malattia, che lo porterà a lasciare, prima temporaneamente e poi definitivamente nel 2003, Parigi per ritornare a Milano a curarsi. 

Recalcati vive tra Parigi e Milano. Ha partecipato su invito a varie edizioni della Biennale di Venezia, a tutte le maggiori rassegne di pittura a livello nazionale e ai grandi appuntamenti della pittura europea e americana. Una grande retrospettiva dell’artista a Milano è alle Stelline alla Galleria del Gruppo Credito Valtellinese nel 2004. Nel 2006 ottiene il Premio Presidente della Repubblica dell’Accademia Nazionale di San Luca dove si tiene l’anno successivo anche una sua antologica. Nel 2008 espone alla rassegna Figuration Narrative al Grand Palais di Parigi, mentre nel 2009 i suoi lavori sono presenti alla Galleria Anna D’Ascanio di Roma e alla Galleria Montrasio Arte di Milano. Nel 2010-2011 una sua personale è alla galleria Palazzo Coveri di Firenze, dove si espongono le ultime inedite produzioni dell’artista. 

Recalcati vive tra Parigi e Milano. Ha partecipato su invito a varie edizioni della Biennale di Venezia, a tutte le maggiori rassegne di pittura a livello nazionale e ai grandi appuntamenti della pittura europea e americana. Una grande retrospettiva dell’artista a Milano è alle Stelline alla Galleria del Gruppo Credito Valtellinese nel 2004. Nel 2006 ottiene il Premio Presidente della Repubblica dell’Accademia Nazionale di San Luca dove si tiene l’anno successivo anche una sua antologica. Nel 2008 espone alla rassegna Figuration Narrative al Grand Palais di Parigi, mentre nel 2009 i suoi lavori sono presenti alla Galleria Anna D’Ascanio di Roma e alla Galleria Montrasio Arte di Milano. Nel 2010-2011 una sua personale è alla galleria Palazzo Coveri di Firenze, dove si espongono le ultime inedite produzioni dell’artista. 

Recalcati vive tra Parigi e Milano. Ha partecipato su invito a varie edizioni della Biennale di Venezia, a tutte le maggiori rassegne di pittura a livello nazionale e ai grandi appuntamenti della pittura europea e americana. Una grande retrospettiva dell’artista a Milano è alle Stelline alla Galleria del Gruppo Credito Valtellinese nel 2004. Nel 2006 ottiene il Premio Presidente della Repubblica dell’Accademia Nazionale di San Luca dove si tiene l’anno successivo anche una sua antologica. Nel 2008 espone alla rassegna Figuration Narrative al Grand Palais di Parigi, mentre nel 2009 i suoi lavori sono presenti alla Galleria Anna D’Ascanio di Roma e alla Galleria Montrasio Arte di Milano. Nel 2010-2011 una sua personale è alla galleria Palazzo Coveri di Firenze, dove si espongono le ultime inedite produzioni dell’artista.

Nel segno dell’immagine

Nel segno dell’immagine