Carroll Robert (Robert Willard McIntyre Carroll)

(Painesville, Usa, 1934)

Robert Carroll nasce a Painesville (Ohio, Usa) nel 1934, da famiglia di origine scozzese e irlandese. Dal 1953 studia al Cleveland Institute of Art e alla Yale University, conseguendo nel 1957 la laurea in belle arti. Consegue nello stesso anno due importanti premi per la pittura: il Gunt Honorary Scholarship e il Louis Comfort Tiffany Scholarship. Durante il servizio mili- tare a Los Alamos alterna gli studi di fisico nucleare alla compagnia dei più famosi nomi della beat generation, da Allen Ginsberg a Jack Kerouac. Diventa amico di Willem De Kooning, uno dei maggiori pittori americani dell’espressionismo astratto, che lo introduce nell’ambiente culturale e artistico italiano quando, all’età di venticinque anni, nel 1959 Carroll lascia l’America per l’Italia. Stabilitosi a Roma, nel 1960 sposa la scrittrice Simona Mastrocinque. Alla fine degli anni sessanta alla Galleria Trentadue di Alfredo Paglione a Milano (dove tornerà a esporre negli anni 1970, 1973, 1974, 1978) propone un importante ciclo pittorico intitolato «Sisifo», successivamente esposto negli Stati Uniti. Seguono oltre duecentocinquanta esposizioni nazionali e internazionali. Nei primi anni settanta inizia un’intensa produzione grafica, e concentra la sua ricerca sulle tematiche ambientali. Dal 1983, anno in cui l’Accademia di Cleveland lo invita a rivestire la cattedra di pittura, sposta la sua attenzione verso la realizzazione di «Multivisioni », ciclopiche installazioni multimediali in cui immagini e suoni si intrecciano in un sincronismo assoluto, dedicate ai principali parchi naturali statunitensi, ripetendo l’esperienza anche in Italia a San Rossore, Massaciuccoli (PI) e nella riserva naturale del Lago di Vico, Caprarola, nel Lazio. A partire dalla fine degli anni novanta, nella sua pittura la figura umana torna a essere protagonista. Nel 2001 tiene una personale a Piacenza, al Museo di Palazzo Farnese. Nel 2004 è presente alla mostra permanente «Arte per Immagini» del Museo «Costantino Barbella» di Chieti. Nel 2005 ha un’ampia retrospettiva al Museo Michetti di Francavilla al Mare. Nel 2006 allo Studio d’Arte Forlenza di Teramo ha una doppia personale con la figlia scultrice Jessica, intitolata «Ronzii nella foresta». La mostra è anche un significativo preludio a un grande progetto espositivo intitolato «Garden Party». Molte anche le personali negli Stati Uniti.
Nel corso della sua carriera Robert Carroll ha realizzato anche numerose scenografie teatrali e documentari. Dall’inizio degli anni ottanta vive e lavora a Ronchi, in Toscana.

Jessica a Manziana, 1970.
Carroll Robert

Jessica a Manziana, 1970.

Momento, 1966
Carroll Robert

Momento, 1966

Interrogativo, 1969
Carroll Robert

Interrogativo, 1969

Interrogativo I,1969
Carroll Robert

Interrogativo I,1969

La barriera, 1969
Carroll Robert

La barriera, 1969

L’appartamento, 1973
Carroll Robert

L’appartamento, 1973

Sisifo, 1973
Carroll Robert

Sisifo, 1973

Sisifo ecologo, 1973
Carroll Robert

Sisifo ecologo, 1973

Sisifo pittore, 1973
Carroll Robert

Sisifo pittore, 1973

Nella cattedrale, 1974
Carroll Robert

Nella cattedrale, 1974

Sisifo, 1974
Carroll Robert

Sisifo, 1974

Il guardiano, 1974
Carroll Robert

Il guardiano, 1974

Nel segno dell’immagine

Nel segno dell’immagine

Robert Carroll

Robert Carroll

In Nomine Patris

In Nomine Patris

Arte per immagini

Arte per immagini