Tongiani Vito

(Matteria/ Slovenia, 1940)


Sin dal 1972 tiene numerose personali in Italia e all’estero, e in particolare: nel 1972 alla Galleria Davico, Torino; nel 1973 al “Fiorino” a Firenze; nel 1974 vince il Premio “Sperticano” a Bologna; nel 1975 ha una personale alla Galleria Forni, Bologna, nel 1976 è alla Galleria Trentadue di Milano; nel 1976 e 1978 espone alla Galleria il Gabbiano di Roma. Partecipa nel 1976 con la mostra Nouvelle subjectivité al Festival d’Automne di Parigi e a Bruxelles nel 1979 al Palais des Beaux Arts. Nel 1977, 1979 e 1988 espone alla Galleria Documenta di Torino, nel 1979 è alla Galleria Fred Lanzenberg di Bruxelles. Nel 1981 partecipa alla Biennale di Scultura di Carrara, mentre nel 1982 alla Biennale di Venezia (dove tornerà nel 1995) nel padiglione internazionale. Nel 1982 e nel 1985 ha personali alla Galleria Karl Finker di Parigi, nel 1985 alla Galleria Il Tempietto di Brindisi. Tra il 1986 ed il 1987 realizza per la città di Nimes una fontana in bronzo e marmo, mentre dal 1989 al 1994, per la Federazione Francese di Tennis, esegue cinque grandi sculture in bronzo collocate a Parigi nello stadio “Roland Garros”. Nel 1993 è invitato a partecipare alle mostre Artisti Italiani per l’Europa, realizzata dal Museo di Metz, e De Chirico e le conseguenze postmetafisiche, organizzata a Parigi da Artcurial. Nel 1994 è alla Galleria P. Brullè di Parigi, e realizza per la città di Lucca il monumento a Puccini. Nel 1996 partecipa a Berlino alla rassegna La Forza dell’immagine, il realismo in Europa, mentre nel 1996, al Museo d’Arte Moderna di Osaka, è presente nella mostra La pittura italiana dal 1960 al 1980. Nel 1998 ha diverse esposizioni: al Palazzo dei Priori di Volterra, al Museo del Marmo di Carrara, alla Willy Brandt Haus di Berlino, al Palazzo Orsini Licenza di Roma e al Neuchatel Hotel de Ville. Nel 1999 espone alla Quadriennale di Roma. Nel 2004 viene inaugurata una fontana monumentale nel centro storico di Massa, mentre il Senato della Repubblica inaugura a Palazzo Madama le sei opere acquistate all’artista. Nel 2005 il Comune di Milano gli commissiona il monumento alla memoria di Indro Montanelli.

Tra le mostre degli ultimi anni si ricordano la personale alla Galleria Zegfred di Anversa (2006), quella alla Pian dei Giullari di Roma (2008) e quella alla Circle Gallery di Amsterdam (2010). Attualmente vive e lavora a Camaiore.

Nel segno dell’immagine

Nel segno dell’immagine