Ventrone Luciano

(Roma, 1942)

 

Nasce nel 1942 da genitori campani. A cinque anni viene mandato in Danimarca, ospite di una signora danese che lo adotta per qualche tempo. In Danimarca Luciano Ventrone riceve calore, umanità, solidarietà ed anche i primi giocattoli. Tra le altre cose riceve una scatola di colori. Torna in Italia e frequenta il liceo artistico prima e la Facoltà di Architettura dopo. Ventrone vive giovanissimo la grande stagione delle battaglie tra le varie tendenze artistiche. Le frequenta quasi tutte, cercando un linguaggio suo personale ed esclusivo. La prima mostra personale è a Roma nella Galleria Il Fanale (1963), a cui seguono numerosissime altre tra cui le mostre: alla Galleria 3 e alla Galleria 818 di Pescara (1967 e 1972), alla Galleria Arti Visive di Roma e alla Galleria Interni del L’Aquila (1971), alla Galleria L’œil Ecoute di Lyon  e alla Konok di Saint-Etienne (1977), alla Galleria Il Gabbiano di Roma (1986), alla International Art Fair di Shangai (1988, 1998), alla Wildenstein Gallery di Londra (1989), alla Galleria Forni di Tokio, di Bologna e di Milano (‘90, ‘91, ‘93, ‘97, ‘99, 2000, 2002, 2004, 2006, 2008, 2009), alla Galleria Bergamini di Milano (1995), alla E. S. Lawrence Gallery di Aspen, Colorado (1995 e 1997), alla Galleria Marieschi di Monza (1988 e 1998), alla Galleria Il Tempietto di Brindisi (1992 e 2001), alla Albemarle Gallery di Londra (2006, 2008, 2009 e 2011), a Firenze a cura di Alberto Agazzani (2008), a San Pietroburgo (2010). Numerosissime le collettive, i Premi e le Fiere, tra le quali le più recenti sono Arte Fiera di Bologna (’85, ’92, ’94, ’96, ’98, ’99, 2000, 2001), la Toronto International Art Fair (2000), il Miart di Milano (’96, ’98, ’99, 2000), l’Art Miami (2001), l’Arte Fiera di Abu Dhabi (2007), Scope Art fair di New York (2008). Le sue opere sono presenti nel Padiglione Italia della 54° Biennale d’Arte di Venezia del 2011.

Ventrone vive e lavora a Collelongo (L’Aquila).

Nel segno dell’immagine

Nel segno dell’immagine