Vignozzi Piero

(Firenze, 1934)

 

Ottiene il diploma all’Istituto d’Arte di Porta Romana, la sua formazione è però caratterizzata da una molteplicità di stimoli e interessi: è operaio, corridore, ciclista, scrittore di racconti. È l’amicizia con il poeta Alfonso Gatto che contribuisce alla scelta di dedicarsi alla pittura. Inizia ad esporre nel ’57, anno in cui partecipa a diverse collettive in Italia e all’estero. Dal ’58, in concomitanza con la prima personale di disegni ed incisioni alla Galleria L’Incontro di Arezzo, inizia un’esperienza nell’ambito dell’Informale. Nel ’59 vince il Premio Caravaggio. Nel ’61 presenta alla Galleria Il Fiore di Firenze opere in cui il recupero del figurativo avviene attraverso il filtro della Pop Art. Tra il ’63 e il ’66 è giornalista e illustratore del “Giornale del Mattino” di Firenze e si occupa della rubrica di architettura. In questi anni inizia anche ad insegnare al Liceo Artistico di Firenze, dove sarà successivamente docente all’Accademia di Belle Arti. Nel ’68 vince il Premio di Pittura Contemporanea e nel ’77 vice il Premio del Fiorino. Del ’74 è un’ampia selezione di opere al Gabinetto Vieusseux di Palazzo Strozzi a Firenze. Partecipa ad importanti rassegne internazionali a Roma, Madrid, Parigi, Basilea, Los Angeles. Molte personali sono state allestite in note gallerie, quali il Metastasio, Prato (1981), la Galleria Trentadue, Milano (1986), la Galeria de Arte, Ansorena, Spagna (1993). La prima antologica ha luogo nella Sala d’Armi di Palazzo Vecchio, Firenze (1987), riproposta al Palazzo dei Diamanti, Ferrara nel 1991. Tra le altre quella a Palazzo Sarcinelli, Conegliano (1995). Realizza per la stagione ’97-’98 del Teatro Comunale di Firenze alcune scenografie e nel 2000 il manifesto del 63° Maggio Musicale Fiorentino. Nello stesso anno viene invitato alla XIII Quadriennale di Roma ed è chiamato a far parte dell’Accademia delle Arti del Disegno. Il Gabinetto dei Disegni e delle Stampe degli Uffizi acquisisce alcuni suoi disegni e pastelli. L’artista è presente nella mostra permanente Arte per Immagini, inaugurata nel 2004 e ospitata nel Museo d’Arte “Costantino Barbella” di Chieti. Tra le ultime personali si ricordano quella ad Arezzo (2005), alle Fabbriche Chiaramontane di Agrigento (2009), alla Sala del Granaio di Modica (2010) e alla Galleria Quadrifoglio di Siracusa (2011). Le sue opere sono presenti nel Padiglione Italia della 54a Biennale d’Arte di Venezia del 2011.

Gesù è spogliato delle vesti, 2011
Vignozzi Piero

Gesù è spogliato delle vesti, 2011

Roccia della Chiesa, settembre 2012
Vignozzi Piero

Roccia della Chiesa, settembre 2012

OTTO MOSAICI PER GIOVANNI PAOLO II

OTTO MOSAICI PER GIOVANNI PAOLO II

Un mosaico per Tornareccio

Un mosaico per Tornareccio

Nel segno dell’immagine

Nel segno dell’immagine

Arte per immagini

Arte per immagini